Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Italia

Sede secondaria:Germania.

Potete contattarci a questa mail:

comitatocdg@gmail.com

Siamo disponibili

Lun-Sab: dalle 9.00 alle 21.00

Titolo

Autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et dolore feugait

Condoglianze ai familiari di Domenico Cricelli

Noi del Comitato Sostenitori dei Collaboratori di giustizia,ci stringiamo al lutto dei familiari di Domenico Cricelli,è difficile trovare le parole in questi momenti,quindi abbiamo pensato di esprimervi vicinanza con senno del poi..

Spesso la vita ci mette di fronte a prove che sembrano impossibili da affrontare, spesso la vita ci porta a chiederci il perché di tale prove, il perché di così grandi dolori. Spesso la vita ci fa inciampare in quella che sembrava una semplice strada dritta e ben asfaltata, ma che si rivela ricca di buche, insidie e ostacoli sui quali cadere. Oggi fa male, domani lo farà ancora e per sempre un pò di questo dolore rimarrà nel cuore.Ma, è la vita stessa a dare,regalare e togliere quel che ci da,Domenico ha dimostrato che cambiare si può e lottare (per ciò che conta),è un dovere!

Era il 12 luglio 2018,quando Domenico Cricelli, in audizione davanti a giudici e PM,in un processo in cui era imputato,dichiarò quanto segue:

«In queste condizioni morirò

e per questo vi chiedo di andare

in un posto in cui potermi curare».

Domenico era già gravemente malato,e già allora,lo stesso dichiarò che non gli venivano somministrate le cure..

Lo stesso,dichiarerà in quella audizione,ancora:

«Da quindici giorni attendo la somministrazione di farmaci indispensabili per me che non arrivano,io chiedo di essere processato da vivo e non da morto. Voglio andare in un posto in cui potermi curare ma se nessuno mi fa uscire morirò presto».

Si aggiunsero gli appelli dei suoi avvocati,Luigi Li Gotti, suo difensore insieme a Giuseppe Cichella, che rivolgendosi al tribunale (presidente Sergio Umbriano, a latere Lorenzo PrudenzanoEnrico Pompei) disse:

«Ricordatevi che l’imputato è affidato alla vostra tutela come detenuto e che la giustizia è umanità. Parliamo di un uomo che sta molto male e che chiede aiuto. Abbandonate il formalismo».

Ma chi era Domenico Cricelli?

Era fra i più attendibili collaboratori di giustizia dell’intera Calabria. Alcune sue dichiarazioni aspettano ancora, dopo anni, di essere adeguatamente valorizzate!

Deceduto all’età 51 anni, come collaboratore di giustizia,un male incurabile non gli ha dato scampo,eppure entrato nel programma di protezione nel 2004,teste prezioso per la Dda di Catanzaro le cui dichiarazioni sono state fondamentali per i processi:

  • “Dinasty-Affari di Famiglia”contro il clan Mancuso – la cui operazione è scattata nell’ottobre del 2003;
  • “Odissea” contro il clan La Rosa di Tropea – la cui operazione risale al settembre del 2006.

Le sue testimonianze sono state ritenute dai giudici più che credibili e attendibili, dando un aiuto prezioso agli inquirenti per fare luce sugli appalti ed i subappalti attorno alla costruzione del nuovo ospedale di Vibo Valentia,i quella che fu denominata inchiesta “Ricatto” della Procura di Vibo.

Cricelli aveva in particolare raccontato ai magistrati della Dda di Catanzaro di tangenti,riunioni in un residence di Briatico per spartirsi l’appalto legato alla costruzione del nuovo ospedale alla presenza di politici e imprenditori di primo piano.

Tali dichiarazioni,però,non furono valorizzate in quel processo rimasto alla Procura di Vibo,che vide il cambio di pm e collegi giudicanti,e che finì con prescrizioni e assoluzioni. 

Anche se le dichiarazioni di Domenico Cricelli,attualemte sono finite negli atti dei verbali dell’inchiesta “Black money”, dove lo stesso ha dettagliatamente spiegato i legami ed i rapporti di attuali personaggi politici di primo piano del Vibonese,anche tuttora in carica,non era forse così importante tentare di tutto per curarlo,questa è la storia dietro le quinte dei Collaboratori di Giusitizia!

Certamente l’Italia ricopre il primato delle disuguaglianze,Marcello Dell’Utri,ad esempio,detenuto dal 2014,quando diventò definitiva la sua condanna a sette anni per concorso esterno a Cosa nostra ha lasciato il carcere di Rebibbia,anche dopo essere condannato,soprattutto, per minaccia a corpo politico dello Stato, dopo la sentenza sulla “ Trattativa Stato – Mafia”,semplicemente perché era a :

“Rischio morte improvvista” – A incidere sulla decisione di concedere all’ex parlamentare il differimento della pena è la situazione del suo cuore: secondo i medici, infatti, l’ex politico siciliano poteva morire all’improvviso.

Questa è la “disuguaglianza” sulla vita,questo – forse – è il vero motivo per cui non riusciremo mai a sconfiggere la “criminalità organizzata”.

Un ringraziamento da parte del Comitato Sostenitori dei Collaboratori di Giustizia,

ai quanti si stanno stringendo attorno alla famiglia!

R.I.P. Domenico Cricelli

wp_6644413
Maurizio Inturri

Blogger Indipendente e scrittore Dottore in Scienze della Comunicazione Autore di:

  • L'antistato - vol.I° - L'inizio, anno 2019
  • Cogito ergo sum..ma non abbastanza!,anno 2015

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: