Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Italia

Sede secondaria:Germania.

Potete contattarci a questa mail:

comitatocdg@gmail.com

Siamo disponibili

Lun-Sab: dalle 9.00 alle 21.00

Titolo

Autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et dolore feugait

ComitatoCdg in Europa

Il COMITATO SOSTENITORI CDG riconosciuto in Europa

Gli svizzeri,infatti,grazie ai giornalisti Elena Boromeo e Thomas Paggini,hanno affrontato il problema delle “criptovalute”.

Ma il Comitato è divenuto eroina in ambito “europeo”,così il famoso giornale francese Le Monde,tramite il giornalista Thomas Saintourens,ha dedicato l’11 maggio scorso,un’intera pagina ai collaboratori di giustizia e allo status vivendi dei loro familiari (ricordiamo che già il Left si era interessato alla vita dei minori che vivono con i collaboratori,dichiarandone circa il 40% senza assistenza scolastica).

Così riporta il Le Monde:

Bonaventura ha 47 anni,è stato un Boss della n’drangheta,la più potente mafia Calabrese,viene da Crotone.

Nel 2006 decide di rinunciare al crimine e si dissocia dal legame di sangue e dal suo Clan.

È uno dei principali collaboratori di Giustizia d’ Italia ” un pentito”, nel linguaggio popolare.

Vivono reclusi, con la Paura, sotto minaccia di vendetta, sono detti “morti che camminano”.

Luigi è un ” morto che parla”.

Ha molte cose da dire sulle Attività mafiose in Italia e all’ Estero, capisce le loro teste pensanti.

Proviene da un’antica famiglia mafiosa, clan Vrenna Bonaventura, la loro fortuna principale è il traffico di cocaina, contrattando l’acquisto e la vendita.

Misura le parole delle sue confidenze:

” È SOLAMENTE GRAZIE ALLE NOSTRE TESTIMONIANZE CHE L’ ITALIA ARRIVERA’ A SCONFIGGERE LE MAFIE INFILTRATE NELLE SFERE DEL POTERE POLITICO ED ECONOMICO, SOLO IL BENE POTRA’ SRADICARE IL MALE E PREFERISCO ORMAI MORIRE PER LA SOCIETA’ CIVILE, PER I NOSTRI BAMBINI CHE PER UN’ ORGANIZZAZIONE CRIMINALE, BASATO SULL’ INDOTTRINAMENTO DI SUSPENSE E PAURA.”

Il busto dritto, gli occhi puntati verso di me, il tono basso e il passo lento:

“I VERI EROI,SONO I FAMILIARI,COME MIA MOGLIE E I MIEI FIGLI,CHE DEVONO SUBIRE LE MIE SCELTE E VIVERE UN CLIMA DI PAURA”,

la sua Libertà di parola è spesso utilizzata per denunciare la situazione precaria dei pentiti:

” NOI SIAMO TRATTATI COME MENO DI NIENTE, SENZA POSSIBILITA’ DI RIFARCI UNA VITA IN SICUREZZA, SENZA DOCUMENTI DI COPERTURA, SENZA UN AIUTO PER POTER INTRAPRENDERE UN’ ATTIVITA’ PROFESSIONALE, NON CONTANDO I DANNI QUANDO VENIAMO RICONOSCIUTI”.

In questi 12 anni ha collaborato, facendo produrre 500 arresti,con 14 Procure Anti mafia differenti,dall’ Italia alla Germania.

wp_6644413
Maurizio Inturri

Blogger Indipendente e scrittore Dottore in Scienze della Comunicazione Autore di:

  • L'antistato - vol.I° - L'inizio, anno 2019
  • Cogito ergo sum..ma non abbastanza!,anno 2015

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: