Italia

Sede secondaria:Germania.

Potete contattarci a questa mail:

comitatocdg@gmail.com

Siamo disponibili

Lun-Sab: dalle 9.00 alle 21.00

Titolo

Autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et dolore feugait.

Archivio dei tag

Luigi e Paola Bonaventura

L’antimafia a conduzione familiare

E’ un giorno speciale a casa “Bonaventura”,i due coniugi che insieme lottano per un futuro migliore!

Diciannove anni di matrimonio,due figli,una storia incredibile e speriamo a lieto fine per il nostro testimonial Luigi Bonaventura,lui che da anni è uscito da una criminalità la “‘ndrangheta” che non gli apparteneva e non voleva,ma che qualcuno ha cresciuto “obbligandolo” a seguire la tradizione di generazione a generazione che si tramanda da padre in figlio! (qui la storia)

Ma l’ex boss del “clan Vrenna-Bonanventura” non ha voluto continuare questo “assurdo passaggio generazionale”,e per evitare questo ai suoi figli ha scelto di “collaborare con la giustizia” e regalare un futuro migliore ai suoi figli!

Mai incriminato per omicidio o arrestato per associazione mafiosa,eppure lui “sgarro“,sapeva tutto e tanto ha fatto e continuare a fare con diverse procure,e giù arresti su arresti,sequestri soldi e smantellamento di cosche mafiose.

Al suo fianco sempre la moglie Paola,ignara fino la sera in cui ha deciso di cambiare di cambiare vita,con lei,Luigi continua a lottare affinchè nella “Calabria” e nelle famiglie delle “‘ndrine” smettano di obbedire a questo passaggio di “testimone da padre a figlio“.

Impegnati dal lontano 2007,giorno in cui ha iniziato a collaborare con la giustizia,sono trascorsi ben dodici lunghi anni di sofferenze,preghiera,solitudine e umiltà solo con l’obiettivo di poter cambiare le cose per i tanti che come la sua famiglia si trovano in quella situazione che vivevano fino al 2007,per il bene e il futuro dei figli!

Una famiglia,Luigi e Paola,impegnata a fare antimafia e aiutare i diversi familiari e collaboratori di giustizia,soli hanno fondato il Comitato Sostenitori dei Collaboratori di Giustizia – adesso gestito da gente comune . mentre loro conducono la Pagina Facebook “Rete Antimafie Famiglia Bonaventura” insieme a Barbara S. e altri onesti cittadini.

Ma oggi,come leggiamo dal suo profilo facebook,non possiamo che riportare che le splendide parole che dedica alla moglie Paola,queste parole dicono tutto di Luigi:

“E con oggi sono 19 che mi hai preso per mano e mi hai insegnato a combattere per i valori della vita .Ma chi te l’ha fatta fare.? Tu sei la mia eroina .Ti amo”

Noi del Comitato sostenitori CdG non potevamo che augurargli un buon cammino con la la sua adorata Paola e i suoi figli!

Omicidio Orazio Pino:I pentiti e i loro familiari perdono fiducia nello Stato

L’assassinio dell’ennesimo “pentito” Orazio Pino,ex killer di Cosa Nostra catanese,ha creato uno strappo di “fiducia” tra lo Stato,da parte, e i collaboratori di giustizia ed ex,dall’altra. Ma,in passato,anche il ministro dell’interno Salvini ci aveva messo di suo con le seguenti parole:”sono tanti i collaboratori di giustizia e i loro familiari”,ma cosa intendeva dire veramente con tale dichiarazione?

Non c’è voluto molto tempo per far traboccare un bicchiere già stracolmo di sangue;in pochi mesi, tra familiari di collaboratori di giustizia minacciati e assassinati,pentiti costretti a farsi le valigie più volte durante l’anno per essere trasferiti altrove,ed ex collaboratori costretti a fuggire all’estero per evitare di essere uccisi,il bicchiere si è versato!

Quello di Orazio Pino,malgrado non fosse conosciuto nella città in cui viveva come pentito (sic),ma come commerciante onesto,e timbrato per legge  solo nel 2016 da una interdittiva antimafia emessa dalla Prefettura di Genova in quanto “mafioso” –  un marchio indelebile – ,segue la strada di tante morti strane, come quelle che seguono:

  1. 13 aprile 2019,Domenico Cera, il cui cadavere era stata trovato in auto nella campagne di Ripoli di Mosciano (Teramo),causa:stroncato da un infarto;
  2. 26 dicembre 2018,Marcello Bruzzese, fratello di un pentito di ‘ndrangheta, ucciso in pieno centro a Pesaro il giorno di Natale, con decine di colpi di pistola,sotto protezione dal 2008!
  3. Gerardo D’Urzo, 51 anni, di Sant’Onofrio, che avrebbe dovuto testimoniare in video-conferenza da una località protetta nell’ambito di un processo Libra a Vibo, ma i magistrati egli avvocati hanno scoperto dopo 4 mesi che  era deceduto,come mai?
  4. Maria Concetta Cacciola, figlia del boss della ‘ndrangheta Gregorio Bellocco, madre di tre figli,fu trovata morta e successivamente si scoprì che la causa non era suicidio,ma era stata uccisa dai suoi familiari,perchè?
  5. 29 gennaio 1998,Anna Sodano,camorrista,voleva diventare collaboratore di giustizia e ne nacque un “cold case“;
  6. 3 dicembre 1994,Mario Scala,camorrista,voleva collaborare con lo Stato,spariti misteriosamente,chi sapeva?
  7. 18 marzo 2000,Gennaro Busiello,come Sodano e Scala,epurati è stato dichiarato,ma come è possibile che camorristi cantino al vento il pentimento?
  8. 18 marzo 2002,Giuseppe Schisa,come Sodano e Scala,epurato!

Potremmo continuare ma preferiamo fermarci,la scia di sangue è lunga quanto gli arresti e le condanne che hanno fatto emettere,per gli ultimi 4 della lista,invece,non scopriremo mai il loro contributo,purtroppo…

Ma l’aria di paura e insicurezza era nata dopo la seguente dichiarazione del ministro dell’interno Matteo Salvini:

All’ora,il ministro Salvini,quasi a giustificare l’accaduto (come si leggerà in alcune testate),sembrò sottolineare la richiesta del protetto, fatta anni prima,di fuoriuscire dal programma di protezione,ma anche l’ipotesi di non poter offrire a tutti sicurezza adeguata vista la mole dei “collaboratori di giustizia” e dei loro familiari.

Sarebbe d’obbligo chiedersi:se fosse vivo Giovanni Falcone,cosa ne penserebbe di tutto ciò?

Naturalmente lasciamo a voi le riflessioni del caso e naturalmente del video con le dichiarazioni del ministro!

Le paure,sempre messe in evidenza da varie testate e mass media che hanno intervistato diversi “collaboratori di giustizia”,e le varie richieste dell’aumento della protezione,sono state prese forse a cuor leggero?

Eppure lo sappiamo in tanti:

La mafia non dimentica!

Questa è una delle tante storie di mafia e ‘ndrangheta per cui collaboratori giornalistici e giornalisti sono tanti massacrati,questa è una delle tante storie di resistenza contro ogni forma di mafia!

Voi,cosa ne pensate?

Il silenzio dei pentiti censurati

Mentre continua incessante la lotta delle forze forze dell’ordine contro le varie “mafie”,nell’oblio i vari “collaboratori di giustizia” e i loro “familiari” vengono abbandonati,anzi,meglio discriminati e costretti a rifugiarsi negli angoli più bui…

Eh già,la storia in Italia non fa da padrona,neanche le stragi,eppure tutto d’un canto operazioni o blitz (fate voi) da anni vengono effettuati senza sparatorie,come mai?

Tutto ciò,lo sappiamo,non farà riflettere chi ha sete di vendetta e odio,chi si nasconde dietro nomi illustri nella storia delle stragi come Giovanni Falcone,Paolo Borsellino e tutti gli uomini delle scorte caduti con loro.

E’ proprio da qui che vorremmo ricordare alcune frasi celebri, dettate non dalla demagogia ma da giusta causa,da chi ha veramente spolverato fascicoli e fascicoli per lasciarci un’eredità..

In molti hanno dimenticato il contributo di Tommaso Buscetta,collaboratore e non pentito,che fruttò quel famoso “Maxi Processo” e che nel corso degli anni fece maturare le coscienze di molti che si pentirono,eh già..meglio dimenticare che i “politici e collusi del sistema” non si sono mai pentiti,meglio dare addosso ai “collaboratori di giustizia” e razziarli come schiavi,e quando non servono più:due calci nel sedere e giù per la strada,ci penseranno altri ad ucciderli..strana questa frase che ricorda “Ponzio Pilato”.

Ma tanto chi se ne frega ”che muoiano gli infami e le loro famiglie” e chiudiamo un altro capitolo della storia italiana,all’orizzonte abbiamo preso di mira gli immigrati ed aperto nuovo capitolo – almeno per il momento – ,e alla fine a chi ci accuserà di razzismo e di violazione dei diritti umani,risponderemo:noi non siamo nazisti!

Naturalmente questa è anche storia italiana,ma silenzio,non possiamo raccontare tutto,neanche che ognuno tira l’acqua al proprio mulino e che “Giovanni Falcone e Paolo Borsellino” furono gli unici a perseguire questa strada,ma non raccontatelo nei “convegni antimafia”,d’altronde gli “infami” sono i “collaboratori di giustizia”.

Maurizio Inturri

Il silenzio degli innocenti

Anni di lotte e battaglie,alcune,forse tante perse,e altrettante vinte,per aver riconosciuto il diritto della dignità umana,che spesso o forse sempre sfugge dagli obiettivi principali di chi ci governa.

Esistono “muri” che non si possono abbattere,anche se la nostra Carta Costituzionale non cita nessuna “censura” o meglio non menziona alcun “diritto di Stato” alla censura dell’informazione,eppure è così..

Durante i miei anni,anche se pochi,in cui mi occupo di inchiesta,di mafie,politica,massoneria e chi più ne ha più ne aggiunga,si sono riempite colonne di giornali fino a farne fiction e salotti in alcune trasmissioni,ma la verità su alcune forme di “giustizia gratuita” è mai uscita?

La risposta è no!

Nessuno può osare abbattere quel “muro di gomma”,eppure persone che contribuiscono con i loro racconti e testimonianze ad aiutare gli inquirenti nel corso degli indagini ne esistono tanti..

Esistono storie che soltanto chi lavora nell’ambito giornalistico può conoscere,ed io vorrei raccontarne una in particolare che riguarda una delle tante famiglie camorriste che ha deciso di uscire di quel giro sporco,fatto di omicidi,spaccio di sostanze stupefacenti,estorsioni e guerriglie..

La storia che sto per raccontare è vera ed inizia qualche anno fa,quando vengo contattato dal fratello di un collaboratore di giustizia,camorrista per famiglia e generazioni,che mi racconta la sua storia.

Non ha paura di nascondere il suo nome,scrive orgogliosamente di essere contro quel marciume di “camorra”,ma lo Stato gli ha revocato il programma di protezione e che vive insieme alla moglie e un bambino di 6 anni;mi racconta che per i pubblici misteri la collaborazione del fratello è un fatto storico e senza precedenti e che le informazioni fornite dal fratello faranno fare agli inquirenti diverse retate e infliggere centinaia d’anni di carcere a:killer,capi clan e delinquenti vari,insomma,i più sanguinari “camorristi” di Napoli finiscono all’ergastolo..

Ad un tratto,però,gli viene revocato il programma di protezione,fanno ricorso al Tar che ne decide la revoca,quindi impaurito cercano rifugio,sanno che qualcuno li cercherà,perché a “Napoli camorra” certe cose non si fanno.

Non ci stese molto a trovarli la camorra,furono minacce,violenze psicologiche,intimidazioni anche notturne perché sotto la loro abitazione sparavano colpi di pistola e gridavano “Siete una famiglia di pentiti, vi ammazzeremo tutti”,ed ancora mentre si trovano in strada mentre si dirigono o ritornano verso la scuola del figlio,a mezza bocca qualche passante camorrista gli sussurra: “Andate via, altrimenti vi ammazziamo”.

Nel frattempo sono passati due anni da quando gli hanno revocato il programma e solo dopo queste ultime intimidazioni,la procura pensa di riassegnarli ad un programma di protezione.

Nessuno osa chiedere,nessuno osa fare ipotesi,ma noi ci chiediamo:Fiammetta Borsellino che ha incontrato di persona “boss di Cosa Nostra” e che ha partecipato all’incontro voluto dal presidente della commissione antimafia ARS,Claudio Fava,ha ribadito quanto segue:

Nel corso del suo intervento Fiammetta Borsellino è tornata a chiedere risposte alle domande esposte in questi mesi: “Il 19 luglio mi era stato assicurato dal Ministro della Giustizia Bonafede che si sarebbe fatto promotore dell’apertura degli archivi del Sisde”. Fonte Antimafiaduemila

Stessa cosa,la dichiarano nel 25° anniversario della strage di via d’Amelio, Nunzia e Stefano Mormile,fratelli di Umberto, l’educatore penitenziario assassinato l’11 aprile 1990 mentre andava al carcere milanese di Opera, dove era stato trasferito.

“Nostro fratello Umberto è stata una vittima certificata del cosiddetto protocollo Farfalla, cioè quell’accordo segreto tra il Dap e i servizi per gestire le informazioni dei penitenziari di massima sicurezza. Umberto è stato testimone di ingressi, al carcere di Parma, di apparati dello Stato e di colloqui abusivi, illeciti e non registrati intercorsi tra i servizi segreti e boss della ‘Ndrangheta come Domenico e Antonio Papalia. In molte circostanze i boss ottenevano anche dei benefici non giustificati come permessi premio. Umberto aveva assistito a queste cose minacciando di raccontarli, questo lo ha esposto e per questo è stato ucciso, nell’aprile 1990. Con il suo delitto, per la prima volta, è comparsa la sigla della Falange Armata rivendicata attraverso una telefonata alla redazione ANSA di Bologna”.

Maurizio Inturri

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: